REGISTRATI
|

Andrea Pirlo fra curiosità e vari

Andrea Pirlo una selezione di curiosità sul grande campione italiano

Pensi di sapere tutto su Andrea Pirlo? Mettiti alla prova con queste dieci curiosità che abbiamo selezionato su questa super star del calcio italiano!

1.    Record di vendite ad aste per beneficenza di scarpe e magliette

Molti giocatori di calcio sono impegnati in opere di beneficenza. Andrea Pirlo è uno dei più prolifici nel settore delle aste di scarpe o magliette indossate in partite particolarmente importanti. L’ultima maglietta messa all’asta è stata quella della stagione 2014/2015, come sempre autografata. La maglietta è stata venduta per 505€ devoluti a favore della Onlus Four For Africa.

2.    Beram Kayal del Celtic Glasgow chiama il primogenito Pirlo

I calciatori amano dare nomi particolario ai figli, è cosa risaputa. Ma se spesso sono prese di mira le bambine, per una volta è un maschietto ad essere stato “preso di mira”. Si tratta del primogenito di Beram Kayal, centrocampista del Celtic Glasgow ad aver chiamato Pirlo il suo primogenito.

3.    Bufale sul figlio Niccolò

Essere figli di celebrità non è sempre facile, anche nel caso di figli di calciatori. Che il figlio di Andrea Pirlo sia appassionato di calcio, giochi e sogni di seguire le orme del padre lo sanno tutti. Da qui ad essere al centro di una bufola ne passa. L’impresa appariene a un sito tedesco che ha pubblicato un video in cui si vedono bambini giocare a calcio, indicandone uno come il figlio di Pirlo. Peccato che tutti i bambini fossero teutonicamente biondissimi...

4.    La pagina Facebook del New York City FC gli dedica la foto di copertina

Con l’ufficializzazione del suo passaggio al New York City FC, sulla pagina FB della squadra gli hanno dedicato la foto di copertina. Un grande onore per un grande giocatore!

Andrea Pirlo sulla foto di copertina del Facebook del New Yor City FC

5.    We want Pirlo!! We want Pirlo!!

Questo è stato il coro elevatosi dalle tribune dei tifosi del New York City FC durante la partita di domenica 28 giugno contro i NY Red Bulls quando si sono resi conto, al 23esimo minuto, che Andrea Pirlo era fra gli spettatori della partita.

6.    Da squadre storiche a socità calcistica “neonata”

Dopo aver giocato nelle squadre più famose e di lunga tradizione del calcio italiano come il Milan dove ha vinto tutto quello che c'era da vincere, o la Juventus con la quale ha vinto scudetti e trofei, Andrea Pirlo, passando al New Yor City FC, si ritrova in una socità calcistica che è stata fondata poco più di due anni fa, precisamente il 21 maggio 2013.

7.    La scarpa del Derby della Mole al J-Museum

La scarpa con cui Andrea Pirlo ha segnato il gol nel derby del 30 novembre che ha mandato in estasi i tifosi è stata esposta nel J-Museum già qualche giorno dopo la partita.

8.    I calci di punizione di Pirlo e l’effetto Magnus

I calci di punizione di Andrea Pirlo sono ormai una leggenda. Ispiratosi allo specialista dei rigori Juninho Pernambucano, l’ex juventino ha elevato “l’ascensore” a una vera arte sfruttando alla perfezione l’effetto Magnus. L’effetto Magnus, scoperto dall’omonimo scienziato nel diciannovesimo secolo, spiega la variazione della traiettoria di un corpo in rotazione che si muove in un fluido. L’effetto è alla base dei colpi topspin nel tennis ed è sfruttato anche nel golf.

calci di rigore di Andrea Pirlo sono passati alla storia

9.    La barba al centro dell’attenzione

Nonostante la barba di Andrea Pirlo è il suo look da diversi anni, rimane al centro dell’attenzione fino ad oggi. “Look da naufrago” o il più bello del reame? In qualsiasi notizia si parla anche della barba del calciatore.

10.   Cosa ha detto? Le citazioni più famose

·   Vincere così, in 10, è ancora più bello. (2014, Derby della Mole)
·   Quando perdi resta solo amarezza, quello conquistato prima viene cancellato. Vero, il cammino è stato positivo ma se non vinci è come non avessi fatto niente. (2012)
·   Per vincere serve grande personalità, altrimenti gli avversari ti mangiano. (2011)
·   Quando mi sposto lo faccio per vincere. (2011)
·   Se una punizione è tirata come si deve, è imparabile. (2005)

A un grande campione auguriamo un grande successo nel nuovo continente! Ecco la prima parte dell’intervista esclusiva che ha rilasciato pochi giorni fa al NYCFC.

X