REGISTRATI
|

Le 5 Partite più Belle della Storia di Wimbledon

Nadal e Federer protagonisti della più bella partita di tennis della storia

Wimbledon, il terzo Grand Slam dell’anno, viene spesso considerato l’evento di tennis più prestigioso della stagione. Come tale nel corso degli anni è stato teatro di alcune delle più incredibili partite della storia di questo sport. Ecco il nostro conto alla rovescia dei cinque incontri più belli e particolari disputati al celebre All England Club.

5. Ashe contro Connors - Finale singolare maschile 1975 - Lo Shock

Iniziamo la nostra classifica con una vera e propria battaglia tra giganti, una finale carica di adrenalina e tensione. Jimmy Connors arriva al torneo del 1975 come campione in carica e il suo stile aggressivo e brillante lo portano in finale dove dovrà vedersela con un vero gentiluomo del tennis, Arthur Ashe. Lo scontro tra le due grandi personalità riuscì quasi a far dimenticare la questione razziale che che aveva tenuto banco fino a quel momento.

Le scommesse sulla finale di Wimbledon erano nettamente sfavorevoli ad Ashe, con Connors favorito per la vittoria finale a quota 1.43. Anche le statistiche erano dalla parte di Connors, che aveva sconfitto Ashe nei tre incontri precedenti, e non aveva perso neanche un set nell’ascesa verso la finale. Tuttavia, fin dall'inizio, l’andamento della partita si rivela totalmente diverso dalle previsioni dei siti di scommesse su Wimbledon. Nel giro di 20 minuti, Ashe conquista il primo set per 6-1, lasciando Connors quasi sotto shock.

Il campione ventiduenne non riesce a recuperare neanche nel secondo set, dimostrando l'efficacia del piano di Ashe, che mette sotto pressione il rovescio e il secondo servizio di Connors, terminando così un altro set nel tempo record di 25 minuti. Connors riesce tuttavia a riprendersi, interrompendo la sequenza vincente di Ashe. Con un'azione decisa, si aggiudica il terzo set per 7-5, facendo pensare a un possibile ribaltamento dell’esito della partita. Ma Ashe si rivela un osso duro: chiudendo il quarto set per 6-4, grazie ad un incredibile colpo, il gentiluomo del tennis si aggiudica il titolo di Wimbledon. 

4. Wade contro Stove - Finale singolare femminile 1977 - Il giorno migliore al All England Club

Il campionato del 1977 ha regalato una delle migliori giornate britanniche di Wimbledon, con protagonista Virginia Wade. Giunta all’età di 31 anni, Wade non aveva mai avuto molto successo a Wimbledon, riuscendo però a centrare la finale al suo sedicesimo tentativo, dopo avere sconfitto in semifinale la campionessa uscente Chris Evert. Wade si prepara ad affrontare Betty Stove, nota per i suoi successi nei doppi dove era riuscita a conquistare tutti i titoli Grand Slam ad eccezione dell’Australian Open.

Il Campionato 1977 segna il centesimo anniversario del torneo, in concomitanza con il Giubileo d'argento delle Regina Elisabetta, presente alla finale. Stove parte molto bene, aggiudicandosi il primo set per 6-4. Tuttavia, lo sforzo iniziale sembra avere stremato Stove, che non riesce a contrastare Virginia Wade, la quale vince i due set successivi per 6-2 e 6-1, conquistando così una vittoria da favola. La Regina le consegna il trofeo davanti all'intera Gran Bretagna, che può celebrare una nuova eroina e uno dei migliori momenti della storia del tennis.

3. Borg contro McEnroe, Finale singolare maschile 1980 - Il Tiebreak

La terza posizione nella classifica dei momenti storici di Wimbledon vede affrontarsi due dei migliori giocatori al mondo, in quello che potremmo definire il miglior set individuale di sempre. La finale del singolare maschile del 1980 è ricordata come "Il Tiebreak". Nulla da ridire sugli altri quattro set di gioco spettacolare offerti da Borg e McEnroe, ma è difficile non soffermarsi sull'incredibile drammaticità del quarto set, terminato 18-16.

Borg si era già aggiudicato i precedenti quattro titoli di Wimbledon e nel 1980 si prepara a conquistare un quinto titolo da record. Lo svedese conduce per due set a uno, quando il quarto set giunge al tiebreak. Ogni giocatore si trova alternativamente in posizione di vantaggio durante i 20 minuti del tiebreack con McEnroe che riesce a salvarsi da ben quattro punti di campionato prima di passare in posizione di vantaggio portando così la partita al quinto e decisivo set. È l’invincibile servizio di Borg che mette fine al duetto con Mc Enroe che si arrende al quinto set con Borg che sbaglia solo 6 dei sui 31 primi servizi.

La partita si aggiunge alla lunga lista dei loro scontri, costituendone forse l’apice e il momento più sensazionale. 

 

2. Isner contro Mahut - Primo round uomini 2010 - La partita più lunga della storia

Nel 2010, John Isner e Nicholas Mahut scendono in campo per giocare una partita del primo turno che nessuno dei due avrebbe mai immaginato. Saranno necessarie ben 11 ore e 5 minuti, distribuiti in tre giornate di gioco, per completare il loro incontro da cinque set e 183 game.

Quando nel quinto set arrivano al punteggio di 6-6, nel tardo pomeriggio della seconda giornata, sembra improbabile che la coppia torni per una terza, ma incredibilmente la partita deve essere sospesa per oscurità quando i due avversari sono in parità per 59-59.

Avendo già battuto il record per la partita più lunga della storia, i due tornano il giorno successivo riuscendo a difendere il proprio servizio fino al 138esimo game del quinto set. È l’americano Isner che riesce finalmente ad aggiudicarsi la vittoria con un punteggio di 6-4, 3-6, 6-7, 7-6, 70-68. Per completare la lista degli incredibili record battuti, Isner raggiunge il numero storico di 112 ace. La partita, decisamente unica nel suo genere, non ha mai avuto eguali in nessun altro Grand Slam ed è stata superata da un solo altro incontro.

1. Nadal contro Federer - Finale maschile 2008 - La migliore partita di tutti i tempi

Esiste un solo incontro degno di occupare la prima posizione di questa classifica, ed è la migliore partita di tennis della storia. Due maestri dello sport moderno si incontrano nel 2008, in due periodi ben diversi delle loro carriere. Federer, il campione che vince tutto a Wimbledon, è a caccia di un sesto titolo da record, mentre Nadal, il “Re della Terra Rossa” punta al suo primo titolo su prato, da aggiungere al suo dominio incontrastato sulla terra rossa del Roland Garros.

I cinque set di questo scontro leggendario si rivelano più emozionanti di un qualsiasi film di successo hollywoodiano, portando entrambi i protagonisti al loro limite assoluto - un'esperienza rara non solo nel tennis, ma nell'intero mondo dello sport.

X