REGISTRATI
|

12 Campioni..12 acconciature

Ronaldo, che hai combinato

Fra tutti i nostri pronostici scommesse qui purtroppo non abbiamo niente da offrivi, ma come ogni anno, si avvicina il 31 dicembre ed è tempo di stilare alcune classifiche. Quella che stiamo per proporvi però, travalica i confini del 2014 ed è un tuffo tra passato e presente sui campi di calcio a caccia delle 12 peggiori acconciature mai viste su un rettangolo verde. Tu dovessi votare, chi voteresti fra le peggiori acconciature del calcio nel 2016? 



N1.Giovanni Simeone

Al primo posto troviamo Giovanni Simeone, il figlio del "Cholo", che nel luglio 2013 si mise in mostra durante un allenamento del River Plate non per la stessa grinta del padre, ma per un taglio a dir poco singolare. Una versione rivisitata del modello "chierico", con un codino posteriore che partiva a metà zucca.

Ronaldo, che hai combinato



N2.Ronaldo

Al secondo posto si è piazzato Ronaldo. Non quello dal capello scolpito con il gel che gioca nel Real Madrid, ma il "Fenomeno" brasiliano passato pure dalle nostre parti, avendo deliziato i tifosi di Inter e Milan. Dunque Luis Nazario de Lima, così si chiama all'anagrafe, è finito al secondo posto per il look sfoggiato nella finale dei mondiali 2002 in Corea e Giappone, finita con il trionfo dei verdeoro e con Ronaldo capocannoniere del torneo. Per l'occasione il brasiliano si presentò con la testa rasata e un ciuffo triangolare che sporgeva sulla fronte. Impossibile dimenticarlo.



N3.Joe Cole

Il centrocampista inglese, ai tempi del West Ham, esibì una cresta laterale tutta dipinta di rosso fiammante.

Ricci, trecce e dreadlocks

Ricci, trecce e dreadlocks

Meritano un capitolo a parte le acconciature ricce o in stile "afro", con treccine legate alla testa o libere di sventolare nell'aria.



N4.Marouane Fellaini

Il centrocampista del Manchester United, oltre che per la sua stazza (194 cm per 85 kg) è immediatamente riconoscibile sul campo per il cespuglio che si porta in testa.



N5. David Luiz

Ex colonna difensiva del Chelsea ora in forza al Psg



N6.Vagner Love

Alla voce trecce si segnalano quelle azzurre sfoggiate dall'attaccante brasiliano Vagner Love, passato nel 2013 dal Cska Mosca allo Shandong Luneng.



N7.Kyle Beckermann

I dreadlock lunghissimi, come un perfetto rastaman, sono invece il tratto distintivo di Kyle Beckermann, centrocampista statunitense mai uscito dal circuito della Mls, ma che si è messo in luce durante gli scorsi mondiali. Non solo per i capelli, ma anche per la chitarra che portava a spalla praticamente dappertutto. Il "re" della treccina, però, gioca in Cina



N8.Gervinho

Avrete già capito che si tratta di Gervihno, che presenta però una particolarità nel suo look. Le lunghissime trecce posteriori vengono utilizzate, con il supporto di una fascia elastica, per coprire un'evidente stempiatura.

"Orrori" da Serie A

"Orrori" da Serie A

Molti sono i giocatori di Serie A - in attività o meno - che si sono guadagnati un posto d'onore in questa speciale classifica.



N9.Marek Hamsik

Con la sua eterna cresta Marek Hamsik non passa certamente inosservato. Poi troviamo una leggenda..



N10.Roberto Baggio

Non è piaciuto per niente il suo codino, che di Divino - secondo gli inglesi - ha veramente ben poco dal punto di vista estetico. Pare che dopo aver appeso gli scarpini al chiodo si sia messo a fare il predicatore.



N11.Taribo West

L'ex difensore nigeriano dell'Inter anni '90, è stato un pioniere delle treccine afro. Ne ha portate di tutte le fogge e colori durante la sua carriera, passando in rassegna praticamente tutte le tonalità. Torniamo al presente, dove si piazza un altro giocatore "fuori di cresta". I tifosi romanisti avranno già drizzato le antenne..



N12.Stephan El Shaarawy

Non solamente ha resistito anche alle pressioni del presidente Berlusconi ai tempi del Milan e ancora oggi va avanti con il suo look atipico, impressionando perfino i critici d'oltremanica.

X